Musicanti Erranti

I Musicanti Erranti sono un progetto fondato e diretto da Francesco Vide’ nel 2009. Inizialmente erano un semplice gruppo di giovani che volevano organizzare un concerto di natale in seguito realizzato il 22 Dicembre del 2009 presso la parrocchia San Pio X di Desio. L’idea del concerto è stata un trampolino di lancio per questo gruppo formato poi da una quindicina di elementi circa: si preparavano brani molto semplici rielaborati con seconde voci e vari strumenti come pianoforte, chitarre, percussioni, flauto traverso, clarinetto, tromba. Il progetto da momentaneo si era trasformato in permanente.

Negli anni successivi seguirono altri concerti come a Limbiate (Sacro Cuore – 2010), con l’aggiunta di altre novità vocali e strumentali, e la preziosa partecipazione del baritono Giuseppe Di Paola.  Con questa crescita il repertorio si intensificò, sia come generi musicali, sia per gli arrangiamenti scritti appositamente dal direttore. Nel 2011 la tradizione natalizia del coro si rispetta con una simpatica esecuzione in Piazza Conciliazione a Desio e, in aggiunta ai luoghi di esibizione degli anni precedenti, una tappa concerto a Misinto.

Segno caratteristico del coro è la disposizione durante i concerti: le voci e gli strumenti sono frontali al pubblico mentre davanti al coro è disposto il pianoforte che viene suonato solitamente da Francesco: per questo non c’è una vera è propria direzione, ma è in gran parte l’intesa accumulata alla prove a costituire le dinamiche del brano. Una delle qualità di questo gruppo è la vera e propria predisposizione musicale e passione di ogni singolo partecipante.

Le prove non sono costanti, anche perché molti dei cantori e musicisti sono molto occupati da famiglia, lavoro, studi e proprio per questo sono detti Erranti: ognuno vaga per la sua strada, ma quando si ha un progetto da realizzare, tutti i partecipanti vengono richiamati alle prove e nel giro di pochi incontri si riesce ad organizzare un ottimo programma per qualsiasi eventuale occasione coinvolgendo anche diversi strumentisti e/o solisti. L’obbiettivo principale è costruire una buona esecuzione per regalare al pubblico un ricordo piacevole e trasmettere tutte le stagioni della libera musica dalle forti emozioni.